RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton
RomanButton

STRADE DELLA ROMA PAPALE

Piazza di Sant’Egidio (R. XIII - Trastevere) (vi convergono: vicolo del Cedro, via della Scala, vicolo Bologna, vicolo dei Cinque, via della Pelliccia, via della Paglia)

GiÓ Piazza dei Velli, dal palazzo della potente famiglia guelfa, che aveva, di fronte, il palazzo degli Stefaneschi [1], una delle sei famiglie incaricate della guardia del Volto Santo (oggi custodito in Vaticano).
Incorporata nel palazzo Stefaneschi era l’“Ecclesia S. Laurentioli trans Tiberim (X sec.) prope sanctam Mariam (in Trastevere) [2]”.

La piazza cambi˛ nome, quando (1610), Agostino Lancellotti, nobile Romano, fece acquisto del palazzo degli Stefaneschi per donarlo alle suore Carmelitane scalze [3].

Nel 1610, le suore Carmelitane scalze, con l’approvazione di Paolo V (Camillo Borghese - 1605-1621), accettarono l’offerta del Lancellotti e con l’aiuto di Francesca Maziotti, che, lasciato al monastero tutto quello che possedeva, vi si ritir˛, stabilirono nel palazzo Stefaneschi un monastero, dopo averlo adattato alle loro esigenze, e edificato una nuova chiesa dedicata a Sant’Egidio abbate.

Don Filippo Colonna restaur˛ la chiesa nel 1630, sotto Urbano VIII (Maffeo Barberini - 1623-1644), che dedic˛ anche alla Madonna del Carmelo.

Prossimo alla chiesa Ŕ ricordato un “Palatium Micinae[4] forse di quella “Domna Micina” che, fino al 1210, intitol˛ la “regio curtis domnae Micinae” regione che si trova ad ovest o sud ovest sotto il Campidoglio.

___________________

[1] )           Gli Stefaneschi ebbero 4 cardinali, 1 vicario e 1 riformatore, oltre che ricchi possedimenti nell’isola sacra “cum fortilitio seu rocca Trajana”.  La famiglia si estinse nella metÓ del XVI secolo

[2] )           La chiesa Ŕ ricordata nella biografia di Gegorio III (731-741). Gli Stefaneschi vi furono sepolti fino al sec. XII.

[3]             Le Carmelitane occupavano, in quel momento, la chiesa di San Biagio de┤ Velli (X sec.), con annesso oratorio dedicato ai Santi Crispino e Crispiniano, situata dietro l’abside di Santa Maria in Trastevere.

[4]              “Domna Micina, sarÓ stata di una famiglia nobile romana del secolo XI o XII. Il suo nome ricorre pure nella localitÓ detta “Balneum Micinae” nella regione del circo Flaminio. Erra l’Armellini sostenendo che un “Palatium Micinae” sia notato nella pianta di Leonardo Bufalini nel Trastevere presso San Lorenzo in Janiculum” (Le Chiese di Roma nel medioevo – Christian Hulsen)

_DSC0529

Lapidi, Edicole e Chiese :

- Piazza di Sant┤Egidio
- Chiesa di Sant’Egidio

Blutop
Support Wikipedia